Poesia d'amore
da Scrivere.info

Nuovi autori:



Poesie d'amore
a tema:

Autori piu' pubblicati:

Archivio poesie:

Gli autori:



Parlo ancora d’amore

Rosetta Sacchi

Parlo ancora d’amore
In quale città _ora _ resterò ad aspettarti
mentre arrivi e non ti precede il rumore dei passi
di corsa come solo sa fare il pensiero
orme sole resteranno le mie destinate alla polvere
quando il vento le avrà attraversate
le tue mani non stringeranno le mie
nel fremito d’un’emozione improvvisa

Mentre leggo Virginia nel diario di una scrittrice
tu altrove forse annoti un ricordo od esplori sentieri
a nord o a sud del mio cielo, da solo o in compagnia
L’umida terra è dinanzi _di foglie silenti_ dopo l’ultimo viaggio
ma nei sogni permane il profumo delle rose e dei tulipani
tra l’edera e i ranuncoli s’ode ai cancelli il trillo d’un cardellino
seguiranno ore di luna alla melodia e di blues sui desideri
che implorano te il tuo cuore la pelle le mani
nel fuoco d’una passione che pare sopìta

Ho scelto il male minore_ il letargo_ alla sofferenza del cuore
I pensieri conducono a te come vicoli laterali alla dritta
strada maestra. All’ odore di caffè. Tra la veglia ed il sonno
un cucchiaino tintinna. Sfiora le labbra d’entrambi
Lo sguardo ammaliato_ già oltre_ perso dietro la scia d’una stella
La vittoria sulla parola è un’àncora nella tempesta
una sillaba sola ora avrebbe fragore di tuono nel mare...

Resta muta l’anima quasi sgomenta mentre il tempo
abbatte speranze e cresce timori e la vita corre lontano da noi
Sì parlo ancora di te... di partenze ed addii di perdoni e di fughe
di luoghi ostili e di precarietà di traguardi lontani e d’insidie
Parlo sempre di te anche se spesso resto in silenzio per ore
E parlo d’amore anche quando sulla soglia
ti lascio_ fosco_ a patire...

Rosetta Sacchi | Poesia pubblicata il 18/11/18 | 116 letture | 1 commenti |

Nota dell'autore:

«Ispirata al tema "Parlo ancora di te"
* il riferimento è a Virginia Woolf - diario di una scrittrice -
»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

 


 

I commenti dei lettori alla poesia:


La consapevolezza della propria identità diviene slancio verso la creazione poetica di un’interiorità portata all’estremo ed in questi versi la rileviamo al massimo del suo manifestarsi. E sono solo (Dedalus)

parole che la poetessa conia per quel legame che cerca una risposta, che non sia dipendenza da un amore forse carnale e insoddisfacente. Il desiderio che chiamerei poetico, quel desiderio di piagarsi (Dedalus)

d’amore, nasce dallo sconforto che l’affligge per un’assenza sempre più gravosa che la carica di malinconia. (Dedalus)

Scrivi il tuo commento su questa poesia
 

1 commenti degli altri autori a questa poesia:

«versi che si commentano da soli per il dialogare dell’autrice con se stessa e l’amato... la natura come specchio la lontananza che nega ciò che il cuore cerca desidera... il ricordo come compagno di viaggio.»
emiliapoesie39 (18/11/2018)

  
Se sei un autore del sito Scrivere, per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere

 

Rosetta Sacchi ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 566 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Taci (06/07/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 
"Non parlo mai d’amore..." (12/12/18)

Una proposta:
 
Tu che sei dell’anima il poeta (08/12/18)

La poesia più letta:
 
Questo silenzio (14/07/11, 7493 letture)


  


Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

566 poesie d'amore:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Rosetta Sacchi Leggi la biografia di questo autore!






Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore più recenti nel sito: