Poesia d'amore
da Scrivere.info

Nuovi autori:



Poesie d'amore
a tema:

Autori piu' pubblicati:

Archivio poesie:

Gli autori:



All’improvviso è sbocciato l’amore

sergio garbellini

Sento il sangue nelle vene
che ribolle in modo strano,
come il fuoco impetuoso
d’un collèrico vulcano.

E’ la febbre dell’amore
che mi sale ogni momento
e mi fa tremare il cuore
perché provo un sentimento.

Sì, mi sono innamorato
d’una donna, la più bella,
perché splende nel creato
molto più d’ogni altra stella!

Questo amore così ardente,
è il più grande che c’è al mondo
e lo sento follemente
in un modo furibondo!

Perché lei è singolare,
dolce, bella, affettuosa
e vorrei poterla amare
sino a renderla mia sposa.

La conosco da una vita,
da quand’era una fanciulla,
era semplice e gradita ...,
ma io non provavo nulla!

Poi col tempo la natura
piano piano l’ha cambiata
in un’altra creatura ...
sino a renderla una fata!

E così da quel momento
son rimasto affascinato,
ho provato un sentimento
e mi sono innamorato!

Non credevo che l’amore
m’avvolgesse in modo intenso,
ora provo nel mio cuore
un effetto forte, immenso!

Sono tutto su di giri
e mi sento assai geloso,
conto pure i suoi respiri,
perché l’amo in modo ansioso!

E’ una splendida ragazza
con degli ottimi attributi,
quando passa per la piazza
ci son sempre i dissoluti

che con frasi troppo spinte
l’accompagnan nel tragitto,
ma che vengono respinte
per amor del sottoscritto.

E’ bravissima, cosciente,
mi dimostra tanto affetto
che ricambio fedelmente
con il massimo rispetto.

Stiamo insieme e noi ci amiamo,
perché il nostro è vero amore
ed entrambi obbediamo
agli stimoli del cuore.

Siamo molto innamorati,
ci vogliamo tanto bene,
con i cuori appassionati
e la febbre nelle vene

immoliamo il nostro cuore
nel più dolce sentimento,
perché quando c’è l’amore
c’è un gradito accoppiamento!

sergio garbellini | Poesia pubblicata il 10/01/19 | 265 letture |

Nota dell'autore:

«L’amore può nascere e può morire nell’arco di una giornata, per questo che dobbiamo prenderlo al volo e nutrirlo con passione e rispetto. In questo caso due ragazzi che si conoscono da tempo non provavano che una semplice amicizia, quando lei è cambiata nell’aspetto fisico e d’improvviso sono scattate tutte le autodifese in favore dell’intenso desiderio di amarsi, lui sino a poco tempo prima la vedeva come una sorella, ma quando le fattezze di lei si sono fatte più procaci è scattata le molla dell’amore. Una molla che trascina i sentimenti e ci rende particolarmente indifesi.»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

 

I commenti dei lettori alla poesia:

Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
 
Se sei un autore del sito Scrivere, per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere

 

sergio garbellini ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 423 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
La prima volta ... di una donna (18/02/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Anche i manichini hanno un cuore (18/06/19)

Una proposta:
 
Le regole non comandano sul cuore (09/06/19)

La poesia più letta:
 
"Regàlami una favola d'amore! " (16/03/13, 8672 letture)


  


sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

423 poesie d'amore:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!






Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore più recenti nel sito: